Laboratorio 1 – Turismo, Attrattori (naturali e culturali), Agricoltura, Agroalimentare e Artigianato

image_pdfimage_print
Schermata 11-2456604 alle 12.00.39
Il laboratorio tematico “Turismo, Attrattori (naturali e culturali), Agricoltura, Agroalimentare e Artigianato” nasce per cercare di colmare la distanza siderale che in questi anni si è ulteriormente allargata tra le parole e i fatti di chi ha manovrato le leve politiche e decisionali.
Troppe volte abbiamo sentito raccontare di come il Turismo, in se stesso e in quanto attivatore di altri settori, sia una risorsa strategica per l’isola, in virtù delle fondamentali ricadute economiche e sociali che può generare e di come “i turismi”, specie quelli ad alta sostenibilità, siano elementi capaci di produrre impresa, occupazione, PIL e quindi, in definitiva, crescita e sviluppo.
I fatti e le conseguenti scelte politiche, purtroppo, sono state e sono ben altra cosa. Tanto è vero che ancora oggi tre sono le considerazioni ricorrenti:
  • “Il turismo è una grande potenzialità del territorio purtroppo debole e inespressa”. L’efficace sintesi è di Roberto Bornioli, Presidente di Confindustria Sardegna Centrale. E a conferma di questa prima considerazione, peraltro ampiamente condivisa, sul potenziale ancora largamente inespresso, vale un numero su tutti: la capacità produttiva della macchina turistica Sarda – in termini di notti trascorse nelle strutture ricettive – è stata utilizzata nel 2012, appena al 13% delle sue possibilità. E’ ancora solo l’estate a generare valore e la fortissima stagionalità non accenna a modificare il suo trend in misura significativa.
  • Una seconda considerazione, si basa sulla riduzione, nel triennio 2010-2013, delle presenze turistiche. La stima evidenzia una perdita di fatturato pari a circa un miliardo di euro in meno, equivalente a circa 3 punti percentuali di PIL, e conferma come indubitabilmente il sistema turistico sia in uno stato di grave crisi dal quale è necessario velocemente riprendersi.
  • Una terza considerazione strategica completa lo scenario: sebbene la recessione economica generale da un lato, e le scelte (ad es. la flotta sarda) e le mancate scelte di politica turistica (ad es. la continuità territoriale) dall’altro, abbiano recentemente peggiorato lo stato di crisi del sistema turistico sardo, tutti sono concordi nell’affermare che il turismo sia la vera risorsa su cui puntare per una ripresa. Tutti lo dicono, ma – a ben vedere i bilanci regionali delle ultime legislature – nessuno lo fa: sono del tutto marginali le risorse destinate all’Assessorato al Turismo e a Sardegna Promozione.

 

Siamo perciò di fronte ad uno scenario abbastanza schizofrenico: un sistema con un forte potenziale che appare fortemente in crisi, ma sul quale nessuno davvero investe risorse finanziarie ed umane. Inutile, perciò, appellarsi alla parola magica “ecosistema” turistico: essa appare solo nei manuali e nei convegni, dove viene scritta sempre con inchiostro simpatico.

Ecco, perciò, perché nasce il Laboratorio “Turismo, Attrattori (naturali e culturali), Agricoltura, Agroalimentare e Artigianato” di Sardegna 2050: per mettere in fila problemi e soluzioni, analisi e obiettivi, progetti e azioni concrete. Di fronte alla crisi e alle cattive ricette anti-crisi, vogliamo mettere da parte l’emergenza infinita per aprire porte e finestre al cambiamento, quello vero, perché la nostra sfida è lavorare prima di tutto su programmi “diversi”,  su come si risponde ad una crisi epocale che tocca nel vivo testa e cuore delle persone, su come si governano processi strategici, su come si sta in Europa.
Sardegna 2050, nel suo progetto di tourism reengineering ha bisogno di un cuore e di gambe robuste. Il cuore è l’impostazione metodologica che ci deve guidare, quella che parte da dentro il Manifesto di Sardegna 2050 e si completa ed aggiorna quotidianamente, le gambe sono le nostre scelte di campo strategiche ed operative che vengono dal lavoro dei laboratori.

 

Lab 1 - Turismo

Turismi da Incubo #28

Benchmarking: un entità aliena nel mondo turistico. “PRIMO A TIRARE I RIGORI E PRIMO PUNIZIONI”! …  Cortili polverosi, spiazzi in erba […]

Leggi tutto

Turismi da Incubo #27

Germania Anno Zero. Ci sono 4 continentali, due sardi, un tedesco abbondante, quasi un francese, mezzo svizzero, un terzo di […]

Leggi tutto

Turismi da Incubo #26

Non solo incubi…. Tdi#26 –  Il turismo delle piccole cose   Forse non tutto è perduto, o meglio, i buoni […]

Leggi tutto

Turismi da Incubo #25

Piccolo saggio sulle leggi fondamentali della A-Turisticità. Nel variegato dizionario che alimenta il pantheon  delle “perle” raccontate da “Turismi da […]

Leggi tutto

Fare rete nel turismo d’affari e degli eventi - Trinta concas e una berritta

Centu concas e centu berritas, cioè cento teste e cento diversi cappelli, è il modo estremamente efficace nel quale la […]

Leggi tutto

Teatro & turismo

Olbia Sala Museale ArtPort – Aeroporto Costa Smeralda –  19 dicembre 2016. Un convegno denominato “Comunicare il Turismo” che improvvisamente […]

Leggi tutto

Turismi da incubo #24

Requiem per Mine(i)stre(i) riscaldate(i)   Ah, la vecchia e cara crisi di governo…. si, si, proprio lei, quella che negli […]

Leggi tutto

Turismi da Incubo #23

Meetforum: Piccoli diamanti grezzi crescono (finalmente)? Olbia. Italia. Mediterraneo. Europa. A prima vista sembrerebbe che non vi siano punti di […]

Leggi tutto

Turismi da incubo #22

“Turismi da Incubo: la raccolta” in e-book E’ con grande piacere che presento una novità fra le iniziative di Sardegna […]

Leggi tutto

Turismi da Incubo #20

“Addomesticami, disse la volpe”. La parola Ryanair è nel marketing giornalistico una grande e inesauribile cash cow, che se non […]

Leggi tutto

Turismi da Incubo #19

L’Educazione Turistica.     D’estate c’era il mare, una cosa azzurra e lontana che esisteva solo per alcuni mesi, poi […]

Leggi tutto

Turismi da incubo #18

Commodity Sardinia. Kotler sta al marketing come Dylan alla  musica: nessuno può negare di averne subito una piccola o grande […]

Leggi tutto

Turismi da Incubo #17

Il turista riluttante. Nonostante le indigestioni di Autunni nel-cuore-di-non-so-dove, Sagre del-prodotto-più-genuino-del-tuo, fior fiori di Montagne-che-producono, Borghi più-identitari-che-mai, Sapori più-autentici-del-mondo conosciuto, […]

Leggi tutto

Turismi da incubo #16

Terapie Californiane. La nostra Ottana del turismo si chiama Ryanair. Ma negli anni ’60 i sostenitori della corrente economica che […]

Leggi tutto

Turismi da Incubo #15

CORTAS E CHIUSAS. Se state “passando in Sardegna leggeri”, in veste di spavaldi turisti fuori stagione, emuli di Atzeni, D.H. […]

Leggi tutto

Turismi da incubo #14

Sea and Sardinia.   Non è necessario essere Nicholas Negroponte, il più straordinario visionario tra quelli che fanno previsioni sul […]

Leggi tutto

Turismi da Incubo #10

Franza o Spagna   purchè se magna. Un amico mi ha chiamato per criticare l’eccessiva celebrazione dei modelli turistici Spagnoli. […]

Leggi tutto

Turismi da Incubo #8

TURISTA PER CASO (ALL’EXPO).     Rassegna stampa dall’Expò: “il porceddu sardo è diventato un caso nazionale”, “riscossa del porceddu”, […]

Leggi tutto

Turismi da incubo #6

Arriba España   Facendo il confronto tra il sistema turistico Italiano e quello Spagnolo, viene in mente la storica partita […]

Leggi tutto

Turismi da Incubo #5

Triste, solitario y .. Scrivono La Nuova e Sardiniapost  “Non bastano la barca, le vele o il vento. Per girare […]

Leggi tutto