Sardegna 2050 sigla l’intesa con il Contamination Lab di Cagliari

image_pdfimage_print
Sardegna2050 sigla un’altra importante collaborazione con Contamination Lab Cagliari. Un’intesa già partita sul campo che potrà produrre interessanti risultati per il territorio, in particolare per le scuole superiori e l’università.
Già le due realtà erano entrate in contatto l’anno scorso, sia in occasione del lancio di RaIn 2016 presso Confindustria giovani che per la fiera finale di Impresa in azione 2016: “Per impegni vari non eravamo mai andati oltre l’intenzione di vederci – spiega il vicepresidente di S2050 Simone Ferrari – adesso stiamo formalizzando l’accordo e ci ha fatto piacere essere stati contattati. Il legame con la parte smart di UniCa è perfetto per gli scopi associativi di s2050″.
CLab aiuta Sardegna2050 con i dream coach per Impresa in Azione alle superiori, per dare ai ragazzi esempi di vita reale del territorio e aiutarli nelle scelte strategiche su prodotto/servizio e comunicazione. Questo può essere un modo per far conoscere ai ragazzi delle superiori un’Università cagliaritana più attraente e smart di quella che si immaginano.
S2050 illustrerà alle mini-imprese del cagliaritano le attività del Clab e di UniCa in generale, così come alle scuole della rete di progetti di S2050 per le superiori (ASOC – A Scuola di Open Coesione, educazione civica attiva, monitoraggio fondi pubblici e open data jounalism; RAIn – Raccontami l’Innovazione, videocontest sull’innovazione attraverso video di tre minuti).
C’è in programma di invitare le scuole agli eventi negli spazi del CLab, oltre che all’evento finale, e di mettere a disposizione da parte di S2050 la sua rete e la sua progettualità per Clab e da parte di Clab i suoi spazi per l’associazione.
“E’ un riconoscimento importante per S2050 – spiega il presidente Simone Ferrari – oltre ad aprire potenzialmente nuove progettualità che vogliamo percorrere insieme”.